width=
ISPESL: Il modello organizzativo non funziona per la Ricerca. CISL UIL e ANPRI scrivono al ministro chiedendo un incontro
Scritto da 17-07-2013 | ISPESL   

On. Ministro,
a distanza di ormai tre anni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 di conversione con modificazioni del D.L. 78/2010, che ha previsto l'attribuzione all'INAIL delle funzioni già svolte dall'ISPESL siamo ben lungi dalla definizione di una struttura che consenta alla ricerca e ai ricercatori di poter svolgere in modo adeguato la propria attività.

Una visione gerarchica e eccessivamente burocratica rischia di trasformare un processo di necessaria integrazione in una omologazione che non può che comprimere e deprimere gli spazi per una ricerca che seppur svolta nell'ambito delle finalità dell'INAIL, già limitate rispetto al più vasto panorama della ricerca in campo di sicurezza e prevenzione, ha comunque bisogno di necessari spazi di autonomia.

Per le ragioni suddette Le chiediamo un incontro finalizzato a verificare la possibilità di positive convergenze utili ad una rapida soluzione del problema.

FIR CISL
Giuseppe De Biase
UIL RUA
Alberto Civica
ANPRI
Liana Verzicco

stampa