width=
Chi siamo Stampa
Scritto da UIL RUA   

La categoria UIL - Ricerca Università AFAM ha il compito prioritario di gestire e coordinare nei rispettivi tavoli negoziali, nazionali, in quelli decentrati di singolo Ente ed Ateneo e nei singoli luoghi di lavoro, l'azione di rappresentanza e tutela sindacale delle seguenti "aree" di personale:

  • - personale tecnico amministrativo degli Enti Pubblici di Ricerca
           (circa 10000 addetti);
  • - personale ricercatore e tecnologo degli Enti Pubblici di Ricerca
           (circa 8000 addetti);
  • - personale dirigente degli Enti Pubblici di Ricerca;
  • - personale tecnico-amministrativo e lettori di madre-lingua delle Università
           (circa 54000 addetti);
  • - personale dirigente delle Università;
  • - personale docente degli Istituti AFAM
           (circa 7500 addetti);
  • - personale tecnico-amministrativo degli Istituti AFAM
           (circa 2500 addetti).

A queste finalità corrispondono, nei relativi comparti contrattuali e secondo l'attuale normativa, ex D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni, i 4 Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro fondamentali gestiti dal settore, definiti nel periodico confronto con l'ARAN:

     1. il CCNL del Personale Tecnico-Amministrativo delle Università;
     2. il CCNL del Personale Dirigente delle Università e degli Enti di Ricerca;
     3. il CCNL della Ricerca (con personale Tecnico-Amministrativo
         e personale Ricercatore e Tecnologo).
     4. il CCNL del Personale AFAM (con personale Docente
         e personale Tecnico-Amministrativo).

Il settore ha inoltre il compito di definire, sottoscrivere e gestire i contratti di aree specifiche quali:

     - Università private ("Bocconi", "Luiss" ecc, Università Cattoliche (PIB, PUG), ecc.;
     - Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

Nell'azione negoziale e di rappresentanza nei singoli luoghi di lavoro, la UIL P.A. Ricerca Università AFAM si avvale anche dell'ausilio dei propri rappresentanti eletti da tutto il personale in seno alle RSU.

All'azione tipicamente contrattuale si aggiunge quella più propriamente di rappresentanza politica ed istituzionale che verte, fondamentalmente, su 2 filoni:

     - status giuridico e materie riguardanti la riforma della docenza universitaria
       (circa 50 mila addetti);
     - politiche di sviluppo e di riforma del sistema universitario, del sistema della Ricerca e del sistema AFAM.

Quest'ultima ha come ambiti di riferimento, attraverso una periodica azione di confronto, le politiche concertative svolte in collaborazione con i competenti uffici confederali, il MIUR, il Governo, il Parlamento, gli Enti, gli Atenei ed Istituti AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica).