width=
L’osservatorio sulle politiche regionali della ricerca e dell'innovazione & Il PON ricerca e competitività 2007-2013
Scritto da Lavoro di Iperide Ippoliti (UIL-RUA), di Claudia Abatecola, tecnologa del CNR, di Corrado Ippoliti del CNR per l’editing e la elaborazione grafica   

L’ impegno prevalente del nostro sindacato resta certamente quello contrattuale e di tutela dei lavoratori e degli iscritti negli Atenei, negli Enti Pubblici di Ricerca e nelle strutture AFAM (conservatori, accademie etc.).

La UIL-RUA, però, in questi anni ed in sempre più stretto raccordo con le strutture confederali - il Servizio Politiche Economiche guidato da Antonio Foccillo, ed il Servizio Politiche Territoriali e Mezzogiorno guidato da Guglielmo Loy - ha cercato di sviluppare la sua presenza attiva anche in ambiti nei quali si discutono, ed in parte si gestiscono, le politiche della Ricerca e dell’ Innovazione in un’ ottica non esclusivamente pubblica.

Particolarmente intensa è stata la nostra partecipazione all’ attività dell’ Osservatorio sulle Politiche Regionali della Ricerca e dell’ Innovazione - di cui la UIL è fondatrice dal 2005 insieme a CGIL, CISL, Confindustria e Conferenza delle Regioni - e che svolge soprattutto oggi, un’utilissima azione di confronto, proposta e di raccordo tra gli attori del territorio, le parti sociali ed i centri istituzionali (Miur e Mise). Lo stesso dicasi

per il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività, impegno istituzionale condiviso dai nostri quadri insieme a Luigi Veltro del Servizio Politiche Territoriali della UIL.

In particolare attraverso quest’ ultimo programma, nella versione 2000-2006, ed ancor più in quella 2007 - 2013, passa più del 50% di tutte risorse pubbliche destinate ai progetti pubblici e privati di ricerca ed innovazione. Ci rendiamo, dunque, conto dell’importanza di avere come sindacato almeno una “finestra” informativa e partecipativa nell’ ambito del CdS del PON stesso.

C’è da rilevare, infine, come la presenza della UIL- RUA e della UIL nell’ Osservatorio come nel CdS del PON abbia inteso costituire un momento di valorizzazione del ruolo delle istituzioni pubbliche di ricerca e di alta formazione e dei loro addetti nonché di tutela e sviluppo delle prospettive occupazionali di nuove leve di ricercatori universitari ed extra-universitari, non solo per il Mezzogiorno.

Le “slides” che seguono, organizzate nei due distinti ambiti ed elaborate con l’ausilio delle informazioni tratte dalla partecipazione diretta alle riunioni del Cds PON ed dell’ Osservatorio, dalla documentazione riservata ai componenti CdS del PON e dai periodici rapporti sui Fondi Strutturali UE a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL, forniscono una quadro di sintesi della struttura, delle finalità ed in parte dei risultati conseguiti, anche in vista della nuova programmazione strategica 2014-2020.
Il lavoro di Iperide Ippoliti (UIL-RUA), di Claudia Abatecola, tecnologa del CNR, di Corrado Ippoliti del CNR per l’editing e la elaborazione grafica - ad essi va il mio personale ringraziamento - costituirà, certamente, un motivo di interesse e di stimolo per le strutture sindacali, per ricercatori e lavoratori, nonché di utilità per i lavori del Coordinamento Nazionale dei Ricercatori e Tecnologi della UIL-RUA.

Roma settembre 2012

Alberto Civica
Segretario Generale UIL- Ricerca,Università ed AFAM
stampa